Fotografo a Perugia per matrimonio

Fotografo a Perugia per matrimonio

servizi di qualità.

Fotografo a Perugia

Perugia – Fotografo e fotografia di matrimonio ,album matrimoniali album Epoca, corsi di fotografia,

book per aziende e privati.

Federico è tra i migliori 10 fotografi italiani di matrimonio secondo la classifica della ANFM.

Fotografo a Perugia

Federico è inoltre il migliore fotografo di matrimonio a Perugia ed in Umbria, tra i più quotati del settore.

Fotografo di matrimonio a Perugia e in Italia, Federico si dedica anche all’insegnamento effettuando numerosi corsi di fotografia di vario livello.

Puoi vedere il calendario dei suoi corsi nella pagina : http://www.scuoladifotografiafm.it/

Il tuo fotografo di matrimonio a Perugia. 

Federico Miccioni premiato fotografo,il suo studio puoi vedere tutti i suoi lavori di foto di sposi e reportage di matrimonio.

Vieni a Perugia, nel nostro studio che si trova in via bonazzi .

Il mio lavoro da oltre 20 anni  è raccontare quello di raccontare con la fotografia storie di matrimoni.

Nello studio di Federico puoi incontrare il fotografo di matrimonio giusto per te.

Fotografo a Perugia

Scegli il servizio fotografico ideale per il tuo matrimonio. servizio fotografico matrimonio Milano,

servizio fotografico di matrimonio a Perugia,

servizio matrimonio foto e video Perugia , servizio video matrimonio Perugia,

studio fotografico Perugia , studio fotografico matrimonio Perugia.

 

Fotografo a Perugia

Il centro storico di Perugia si adagia su un’acropoli

che sorge all’altezza di circa 450 m s.l.m. 

Nel punto più alto, Porta Sole, l’altezza è di 494 m, caratteristica che ne fa la città italiana più popolata fra quelle poste a un’altitudine superiore a 250 metri.

Il centro storico si sviluppa intorno a questo punto e sul crinale dei colli che da esso dipartono, formando un’acropoli e cinque borghi medievali prolungati su cinque porte.

All’originaria cinta delle mura etrusche, lunga 3 km, si aggiunse nel Duecento e nel Trecento una nuova e definitiva 

lunga 9 km, quasi del tutto integra e che delimita una superficie di 120 ettari.

La città storica è quindi prevalentemente allungata sui crinali, con un asse maggiore di 3 km tra Monte Ripido

(a nord) e San Costanzo (a sud) e un asse minore di 1,5 tra S. Francesco e Monteluce

 

Il Tevere

I quartieri storici sono: Porta Sole, Porta Sant’Angelo, Porta S. Susanna, Porta Eburnea e Porta S. Pietro,

a cui corrisposero per secoli i rispettivi spicchi del territorio rurale, soggetto alla città fin dalle origini del governo comunale.

Ogni quartiere si incardina su una via principale o Corso su cui convergono le trame dei vicoli; vi campeggiano conventi,

campanili, basiliche, chiese, oratori, cappelle, palazzi gentilizi (un centinaio), palazzi minori e le case a schiera dei vicoli.

Il territorio oltre il centro storico scende tutto intorno fino ai 280 m s.l.m. del Pian di Massiano.

Il territorio del comune arriva a 170 m s.l.m., toccati lungo il corso del fiume Tevere,

che a sud ne segna i confini con il comune di Torgiano.

Perugia è situata nell’entroterra dell’Italia centrale nel punto più largo della Penisola.

È la città più grande tra Firenze e Roma,

collocata in posizione intermedia: distante ca 150 km da Firenze, Roma e Ancona,

ca 400 km da Milano, Genova e Napoli.

 

Panorama di La Bruna

Il territorio comunale ha un’area, tra le maggiori in Italia, di 449,92 km², la densità di popolazione è di 368,7 ab./km².

Si estende sul territorio del suo storico contado, trapuntato di frazioni, castelli, ville, case rurali.

Si articola in colline, monti e pianure, conta 85 tra quartieri e frazioni, oltre cento edifici scolastici, circa 3.000 km di strade.

L’area urbana contemporanea, che dal centro storico e le prime periferie oggi tocca e ingloba

i centri abitati viciniori sviluppatisi dal secondo dopoguerra,

si conforma in un tessuto urbano sfrangiato e discontinuo,

inframmezzato di coltivi e residui di campagna, lungo circa 20 km da Villa Pitignano

a San Martino in Campo, da Taverne di Corciano a Ferriera di Torgiano e Ospedalicchio, ovvero sommando di fatto

i comuni contermini di Corciano (21.000 ab.), Torgiano (6.000 ab.) e Bastia Umbra (22.000 ab.).

L’acropoli perugina sembra costruita su una sola collina ma in realtà sono due:

il colle del Sole e il colle Landone.

La massima depressione tra le due alture si estende dal fosso di Santa Margherita,

a est, al fosso della Cupa, a ovest.

Gli Etruschi scelsero quest’area in quanto ricca d’acqua, ma presto ci si accorse che il terreno è anche franoso,

cosa che nei secoli ha dato luogo a poderose fondazioni e fortificazioni che tuttora

impongono in più punti costanti interventi di manutenzione.

Il territorio fa parte della Valle del Nestore, ed il comune idricamente è bagnato dal Caina, dal Genna,

dal Nestore e dal principale Tevere, che a Marsciano raccoglie le acque del Nestore, in cui confluiscono Genna e Caina.

 

A nord monte Tezio e monte Acuto la separano dal comune di Umbertide, a ovest un lembo

di territorio arriva a toccare le alture che circondano il lago Trasimeno.

A est i primi contrafforti collinari dell’Appennino Umbro-Marchigiano 

la dividono dai territori comunali di Assisi e Gubbio.

« Intra Tupino e l’acqua che discende
del colle eletto dal beato Ubaldo,
fertile costa d’alto monte pende,
onde Perugia sente freddo e caldo
da Porta Sole; e di rietro le piange
per grave giogo Nocera con Gualdo.
Di questa costa, là dov’ella frange
più sua rattezza, nacque al mondo un sole,
come fa questo talvolta di Gange.
Però chi d’esso loco fa parole,
non dica Ascesi, ché direbbe corto,
ma Orïente, se proprio dir vuole. »
(Dante Alighieri Divina Commedia – Paradiso: Canto XI)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi